Sezione principale

Indietro

Incontri letterari

Approfondimento 18 ottobre 2019

18/10/2019

Approfondimento 18 ottobre 2019

INCONTRI LETTERARI - XLVI ciclo

Un viaggio temerario nella "Commedia" dantesca per dimostrare che il sommo poeta può ancora dialogare con noi e aiutarci a ridefinire un'etica per il terzo millennio

Filippo La Porta
Il bene e gli altri. Dante un'etica per il nuovo millennio

Venerdì 18 ottobre, alle 18,00 presso la sala Muratori della Biblioteca Classense, Filippo La Porta ospite del XLVI ciclo di incontri letterari del Centro Relazioni Culturali del Comune di Ravenna con il suo libro Il Bene e gli altri. Dante e un’etica per il nuovo millennio

Ospite del Centro Relazioni Culturali il critico letterario e saggista che ha compiuto un viaggio temerario nella Commedia dantesca per dimostrare che il Sommo Poeta può ancora dialogare con noi e aiutarci a ridefinire un’etica per il Terzo Millennio.

Un viaggio temerario nella "Commedia" dantesca per dimostrare che il sommo poeta può ancora dialogare con noi e aiutarci a ridefinire un'etica per il terzo millennio

Come educare oggi un giovane, immerso in una cultura che ignora l'umanesimo e i tradizionali veicoli del sapere? In che modo riformulare i dilemmi dell'etica dopo che gli dei hanno abbandonato i nostri lidi? L'"inattuale" Dante – uomo del Medioevo e abitante di un universo ancora stabile – può darci indicazioni preziose attraverso l'ausilio involontario di Simone Weil. La filosofa francese ha scritto: "È bene ciò che dà maggiore realtà agli esseri e alle cose, male ciò che gliela toglie". Alla luce di questa intuizione La Porta individua l'idea morale all'origine della "Commedia", dove i sette peccati capitali tolgono tutti realtà al prossimo. Così Dante può aiutarci a ridefinire un'etica che non consiste in imperativi categorici ma che ci permette di far esistere il mondo, nella sua inviolabile, corposa, mutevole alterità. E che ci chiede di "ascoltare" gli altri proprio al fine di farli esistere, e di far esistere così anche noi.

Sarà Maurizio Tarantino, direttore della Biblioteca Classense del Mar e delle Politiche e Attività cylturali del Comune di Ravenna a introdurre al pubblico l’autore.

 

Filippo La Porta, critico letterario e saggista, collabora a quotidiani e riviste, tra cui il “Domenicale” del “Sole 24 ORE” e “Il Messaggero”. Tra i suoi libri ricordiamo La nuova narrativa italiana (1995), Non c’è problema. Divagazioni morali su modi di dire e frasi fatte (1997), Maestri irregolari. Una lezione per il nostro presente (2007), Meno letteratura, per favore (2010), Pasolini (2012), Poesia come esperienza. Una formazione nei versi (2013) e Roma è una bugia (2014). Per Bompiani ha pubblicato Dizionario della critica militante (con Giuseppe Leonelli, 2007) e Indaffarati (2016).

OTTOBRE 2020

Scopri tutti i nostri eventi

dom lun mar mer gio ven sab
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Sending...

SEGUICI ANCHE SU:

Iscrizione alla newsletter

Inserisci la tua e-mail e iscriviti alla nostra newsletter.

Resta sempre aggiornato sugli eventi del CRC.

CentroRelazioniCulturali © Copyright 2014, All Rights Reserved Credits: Vista Tecnologie Mappa del Sito Policy privacy